Le carte di credito sul web e il loro successo

Le carte di credito nel corso degli anni sono diventate sempre più componenti della vita quotidiana delle persone a cominciare dai più giovani che in particolar modo le utilizzano durante le vacanze e per gli acquisti online, usufruendo soprattutto delle pratiche carte di credito sul web.

Le carte di credito a tasso zero

La tipologia di credito che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede è rappresentata dalla carta di credito a tasso zero, un’alternativa ai contanti che sta riscuotendo sempre più successo.

Ultimamente, difatti, si è verificato un importante aumento delle offerte relative al settore finanziario, in concordanza all’accesso a possibili soluzioni di credito che precedentemente erano per lo più precluse.

Le carte di credito caratterizzate da zero spese non prevedono un canone annuo e non includono neanche costi d’apertura, un tipico esempio è rappresentato dalle carte revolving, che vanno a concedere credito limitatamente alle rate, ma basti pensare anche ai vari prodotti offerti dalle banche.

L’incremento dell’offerta è andato a generare concorrenza che ha variato gli assetti del settore finanziario, tra cui uno in particolare è legato ai tipi di transazione finanziaria, dove le carte di credito vanno ad esercitare un ruolo importante.

La semplicità di utilizzo, nonchè l’accettazione della propria carta da gran parte degli esercenti, hanno sicuramente concorso ad andare a rendere queste soluzioni di credito vantaggiose, ma ci sono anche degli aspetti sfavorevoli.

La logica dell’azzeramento del canone è legata alle promozioni in atto previste dai rispettivi istituti di credito, questi aspetti vengono disciplinati dall’esistenza di convenzioni oppure promozioni particolari.

Vantaggi e svantaggi delle carte di credito a tasso zero.

Generalmente, le carte di credito caratterizzate da zero spese sono quelle che non hanno in previsione come già detto, la corresponsione del canone annuo, si tratta di tipi di carta più facile da reperire, hanno un funzionamento analogo a quello delle carte prepagate, presentano un codice Iban come un comune bancomat.

Tra i punti a sfavore delle carte a tasso zero, ci sono i costi delle operazioni singole che vengono riportate in estratto conto, attribuite ai prelievi oppure ai pagamenti effettuati, così come anche i prelievi fatti al di fuori di quello che è il circuito emittente.

Le carte di credito concorrono ad aprire un credito che non va a contemplare interessi nello specifico caso della formula a saldo.

Le carte erogate dagli istituti di credito, inoltre, prevedono un limite di utilizzo nel corso dell’intero anno: raggiunta questa soglia, avviene, l’azzeramento del canone annuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *